Page is loading, just a sec...

Santa Edvige Regina (1374-1399)

San Edvige Regina
“La grandiosità, grandiosità del cuor umano non scade mai (…) Bisogna imparare [dalla regina Edvige] che nella vita non sempre si dovrebbe cercare di avere di più; mentre questa è la caratteristica principale dell’uomo dei nostri tempi: avere quanto più possibile. La grandiosità di un uomo si rivela nella ricerca di essere qualcuno. E l’uomo diventa qualcuno vivendo i sacrifici, offerto spesso nella profondità del proprio cuore”.
Karol Wojtyla, Mogiła, chiesa dei padri Cistercensi, il 10 febbraio 1974

 

Era una donna alta per la media registrata in quei tempi. Aveva 180 cm di altezza e gli occhi neri. Andava a cavallo, sapeva cacciare. Nel 1387 ha guidato anche una spedizione di cavalieri in Russia. Non era una santa delle immagini sacre, ma una affascinante donna in carne e ossa.

Ma nel 1384 la famiglia di Edvige ha lasciato l’Ungheria, instaurandosi sul trono polacco. Il 16 ottobre 1384 Edvige all’età di 10 anni è stata incoronata Regina di Polonia. I signori della regione Małopolska hanno deciso di dare la giovane regina in sposa al principe pagano Jogaila di Lituania.

Nella Cattedra di Wawel Edvige ha pregato cercando consolazione davanti al Crocifisso Nero. Si narra che Cristo Crocifisso si sarebbe rivelato davanti a lei, dicendo: "Fai ciò che vedi". Ovvero, a volte solo sacrificando se stessi si può salvare gli altri. Edvige ha sposato Jogaila, uomo molto più grande di lei, per portare il battesimo in Lituania e rafforzare la Polonia con un'alleanza preziosa.

Edvige era fondatrice di numerose chiese ed ospedali. Per i propri sudditi era l'incarnazione della misericordia.

Inoltre, ha destinato tutti i gioielli per il rinnovamento dell'Accademia di Cracovia che si avvicinava alla rovina, mentre attualmente essa è conosciuta in tutto il mondo come Università Jagellonica. Ha ottenuto dal papa il permesso di fondare la Facoltà di Teologia il che ha accelerato l’evangelizzazione su tutto il territorio dell’enorme regno che comprendeva terre polacche, lituane e russe.

È morta prima della riapertura dell’università. Insieme alla figlia, che stava partorendo in difficoltà, è morta all'età di soli 25 anni. È stata sepolta in un sarcofago nella cattedra di Wawel. La canonizzazione della beata Edvige, celebrata da Giovanni Paolo II l’8 giugno 1997, è stata la prima canonizzazione che si è svolta sul territorio polacco.

I luoghi associati Santa Edvige Regina (1374-1399):