Page is loading, just a sec...

Santa Faustina (1905-1938)

Santa Faustina Kowalska
„(…) Il messaggio della misericordia di Cristo arriva ininterrottamente a noi attraverso il gesto delle Sue mani protese in direzione dell’uomo sofferente. È in questo modo che Lo vedeva Suor Faustina ed è così che lo ha annunciato alla gente di tutti i continenti. Rimanendo nascosta nel suo convento a Łagiewniki a Cracovia, ha reso la sua vita l’inno alla misericordia. Misericordias Domini in aeternumcantabo”.
Giovanni Paolo II, Piazza di San Pietro a Roma, 30 aprile 2000

 

S. Faustina Kowalska non spiccava per nulla di speciale ma Dio ha scelto proprio lei per dare al mondo il messaggio fonte di speranza per milioni di persone. La sua vita è l'esempio che la grigia quotidianità a volte è piena di miracoli e che dalla normalità possono nascere grandi opere.

Santa Faustina, chiamata la segreteria di Gesù Misericordioso, è nata nei primi anni del XX secolo ed è morta prima dell’inizio della seconda guerra mondiale. Voleva entrare in convento, ma i genitori erano fortemente contrari. È stato solo dopo la prima apparizione di Gesù che ha deciso di ascoltare la voce del cuore. In convento è stata chiamata Faustina, che significa "felice". La maggior parte della sua breve vita l’ha trascorsa presso la Congregazione delle Suore di Nostra Signora della Misericordia, come cuoca, venditrice, giardiniera e portiera. Era raggiante, felice e sempre sorridente nonostante l'enorme sofferenza fisica e spirituale, attraverso la quale passava al fine di scoprire il potere insito nell'illimitata fiducia nella Divina Misericordia. Gesù le ha dato un dono speciale: poteva vederLo e poteva parlare con Lui. Gli ultimi anni di vita li ha passati a Cracovia, nel monastero di Łagiewniki. Aveva una grave forma di tubercolosi.

Il compito essenziale di Suor Faustina era passare alla Chiesa e al mondo il messaggio della Misericordia. Gesù non solo ha rivelato a questa semplice suora la profondità di questa verità, ma le ha comunicato nuove forme di culto: dipinto con la scritta Gesù, mi fido di Te, la festa della Misericordia, Coroncina alla Divina Misericordia e la preghiera detta nel momento della sua Morte sulla croce, chiamata L’ora della Misericordia. La testimonianza della apparizioni dell'umile suora è il "Diario", un semplice resoconto delle esperienze interiori di Suor Faustina, oggi una delle opere più famose della letteratura mistica, tradotto in più di 30 lingue, chiamato da San Giovanni Paolo II “il vangelo della misericordia”.

Il 18 aprile 1993 il Papa polacco ha elevato Faustina agli onori degli altari e il 30 aprile 2000 l'ha inclusa tra i santi della Chiesa.

I luoghi associati Santa Faustina (1905-1938):